Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






- M -

MA&L Sigla del Movimento Autonomia & Libertà.
MAI Sigla del Movimento Anarchia Illuminata.
Mai Giornale del Movimento Anarchia Illuminata fondato da Abramo Aquila nel 20 settembre 2005. Dopo un'unica uscita venne chiuso il dicembre dello stesso anno.
Manfredi Aquila (m - imp:d_22/03/2007) Gregario, divenne poi Discepolo. Fu degradato Gregario il 3 luglio 2010.
Marco Armas (m - imp:01/06/2001.01/04/2009) membro dell'IMPERO, clonò parzialmente il sito imperiale di cui in seguito divenne collaboratore. Precedentemente il sito copia fu saccheggiato da Emanuele Spikas; Divenne Membro Onorario. Dopo l'abolizione della Scala Sociale divenne un Gregario completamente assente.
Marco Aquila (m - imp:d_10/05/2006) Discepolo, poeta, membro del Partito Libertario della Micronazione. In breve tempo assunse un ruolo rilevante all'interno del partito divenendo quasi pari grado del Capo Partito Jacopo Septe. Dopo la dipartita di
quest'ultimo, prese in mano il partito per le imminenti elezioni del settembre 2006 e lo ribattezzò come Movimento Libertario
Imperiale, cambiandone alcune posizioni e facendolo uscire dalla coalizione Unità Democratica Imperiale. Si candidò quindi
con questo partito indipendente e venne eletto deputato divenendo quindi Pari, poi fu anche nominato Giudice della Corte Costituzionale e si adoperò in maniera importante nella propaganda e nelle attività culturali della micronazione. Nelle elezioni dell'aprile 2007 venne eletto deputato, sempre per l'MLI, ricevendo anche l'incarico di Ministro della Cultura. Verso la fine del mandato si dimise. Dopo un periodo di inattività, si presentò alle elezioni dell'ottobre 2007 dove venne eletto deputato per dimettersi poco tempo dopo, precisamente in Dicembre, prese il suo posto Federico Aquila e successivamente Dario Aquila. Alle elezioni di aprile 2008 non si candidò come il suo partito, che nel frattempo era passato a Dario Aquila. Di lì a poco divenne un cittadino passivo. Venne degradato a Discepolo il 5 luglio 2009, a Gregario il 15 dicembre 2009.
Marco Bandieras
(m - imp:04/09/2006.26/02/2007) Discepolo, cugino di Lillo Aquila. Capo Partito del Movimento Populares Imperiale, in seguito tentò di aderire ad altri partiti ma fu sempre respinto per le sue scarse capacità mentali. Si macchiò di Tradimento, Inosservanza di norme stabilite da un'autorità, Spionaggio e Uso di più cittadinanza. Fu processato e condannato ad espulsione permanente.
Marco Blau (m - imp:d_15/06/2006) Gregario. Divenuto Discepolo, tornò Gregario il 16 ottobre 2011. Nuovamente promosso a Discepolo il 12 agosto 2012, perse il grado con la Rivoluzione Anagrafica.
Marco Duomilles (m - imp:11/05/2006.26/04/2007) Gregario.
Marco Konstitution (m - imp:d_02/05/2005) Discepolo e membro del Partito Comunista Imperiale. Venne degradato a Gregario il 23 novembre 2008 per passività. Tornò Discepolo il 6 giugno 2009. Degradato nuovamente Gregario il 15 dicembre 2009. Promosso a Discepolo il 25 gennaio 2011. Con la Rivoluzione Anagrafica tornò Gregario.
Marco Krucatas (m - imp:19/10/2005.02/12/2005) Discepolo, membro del Partito Socialista Repubblicano-Movimento Bucolico Pastorale. Si unì al Blocco per la Repubblica e si trasferì ad Utòpia.
Marco Mano (m - imp:23/05/2010.17/01/2012) Gregario, poi Discepolo dal 3 luglio 2010. Fratello di Simone Aquila. Venne degradato a Gregario il 16 ottobre 2011.
Marco Prime (m - imp:15/02/2001.15/03/2004) Discepolo raccolto su C6, Fedelissimo, disdisse la sua cittadinanza per evitare di essere semplicemente un cittadino passivo.
Marco Septe (m - imp:d_26/04/2006) Discepolo. Dopo essere diventato Capo Partito di Alleanza Imperiale trasformò il partito in Movimento Sociale Imperiale. Si candidò alle elezioni del settembre 2006 ma non venne eletto. Riuscì ad essere invece eletto deputato in seguito alle elezioni dell'aprile 2007. Inizialmente usufruì della supplenza del compagno di partito Tosco, ma in breve tempo prese a pieno titolo il seggio. Partecipò con l'MSI alle elezioni dell'ottobre 2007 dove venne rieletto deputato. Durante il Governo Transitorio di marzo-aprile 2008 mantenne il ruolo di deputato, riconfermatogli dai 5 voti ottenuti alle elezioni di Aprile 2008 alle quali si candidò col suo partito MSI. Sempre durante il Governo Transitorio divenne giudice della Corte Costituzionale ed anche questo incarico venne riconfermato nella legislatura successiva. Si candidò per l'MSI nel novembre 2008 e venne nuovamente eletto deputato così come alle elezioni successive, del maggio 2009. Il 10 novembre 2009 perde la carica di capopartito del MSI a favore di Luca Stellas. Alle elezioni del mese seguente perde il seggio in Gran Consiglio, come conseguenza del proseguire del trend negativo del partito. Si candidò senza successo alle elezioni di giugno 2010. Venne degradato a Discepolo il 16 ottobre 2011 e a Gregario il 12 agosto 2012.
Marco Sferini Dittatore di Microitalia. Una volta salito al potere ha instaurato una dittatura di stampo stanlinista, eliminando gli oppositori politici e attuando azioni di infiltrazione contro la democratica Ponferrata. La dittatura e la chiusura a riccio della micronazione, limitata ai soli vassalli della dittatura, causarono la fine di Microitalia.
Marco Spikas (m - imp:13/10/2003.17/01/2012) Fedelissimo, divenne Gregario dopo l'abolizione della Scala Sociale a causa della cessazione della partecipazione attiva. In seguito tornò ad essere Discepolo. Cittadino che fin dall'iniziò dimostro di essere uno dei pochi cittadini apartitici ad interessarsi delle attività politiche e a contribuire ad esse con alcuni spunti. Divenne giudice della Corte Costituzionale. Sostituì, nel Governo ATI, Francesco Krucatas prendendo il suo posto come Ministro della Giustizia e divenendo quindi Pari. Ma si dimise ritenendo di non avere il tempo necessario per svolgere il suo compito in maniera adeguata. Venne degradato a Discepolo il 5 luglio 2009. Venne degradato a Gregario il 15 dicembre 2009. Tornò Discepolo il 3 luglio 2010 subendo una nuova degradazione a Gregario il 16 ottobre 2011.
Marco Stellas (m - imp: d_16/04/2008) Gregario promosso a Discepolo l'11 maggio 2008. Degradato a Gregario il 3 luglio 2010. Divenne nuovamente Discepolo il 16 ottobre 2011 fino al 12 agosto 2012, venendo nuovamente degradato.
Marco Tres (m - imp:03/02/2006.05/02/2007) Gregario. Membro del Partito Neo-Pagano Imperiale. Appartenente alla corrente neoromana. Perse la cittadinanza il 5 febbraio 2007 e, ormai straniero, spalleggiò i traditori di Impero guidati da Lillo Aquila.
Mariangela Mano (m - imp:22/04/2007.14/06/2017) Gregario.
Mariano Prime (m - imp:01/06/2003.30/06/2004) Divenne Fedelissimo per la sua partecipazione nel forum imperiale. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
Marina Prime (f - imp:02/12/2009.14/06/2017) Gregario, divenne Discepolo il 15 dicembre 2009. Membro del Movimento Autonomia e Libertà. Degradata a Gregario il 16 ottobre 2011.
Maridon Mano (m - imp:06/09/2010.04/01/2014) Gregario
Mario Spikas (m - imp:d_01/06/2000) Ottenne il grado di Fedelissimo grazie alla sua fedeltà e alla sua dimostrazione di amicizia.
Massimo Konstitution (m - imp:d_06/10/2004) Cittadino imperiale la cui entrata nelle file dell'IMPERO diede luogo ad un fondamentale sviluppo della micronazione, in particolare sotto il punto di vista istituzionale. Entrato fin da subito nel Governo Provvisorio, ricoprì l'incarico di Ministro degli Interni, cominciando così a svolgere un'intensa attività di coordinamento del governo e a collaborare con i vari colleghi Ministri. Realizzò buona parte della bozza della Costituzione imperiale e diede apporti significativi nella formazione del nuovo organigramma e nella conversione della Scala Sociale in Gradi e Onorificenze. Gli fu attribuita anche la carica di Presidente del Gran Consiglio. Fautore del progetto che prevedeva la dotazione dei cittadini di una Carta d'Identità. Organizzò e presiedette il primo Consiglio dei Ministri. Entrò a far parte del Movimento Anarchia Illuminata. La sua presenza garantì il rilanciò dell'IMPERO e la sua conversione a monarchia costituzionale. Fu sua la prima legge non facente parte della Costituzione, nella storia dell'IMPERO, rinominata "Legge 1/2005 - Legge Ospitaletto - Elezioni". Divenne un Pari. In seguito all'abbandono della micronazione da parte di Gianluca Blau, il Movimento Anarchia Illuminata passò nelle sue mani. Agli inizi del 2005 fu nominato Gran Maestro, diventando la prima persona ad ottenere tale grado dopo la cancellazione della Scala Sociale. Istituita la carica di Primo Ministro, ne assunse l'incarico fino ad allora non ufficiale. Eletto come deputato del MAI nel giugno 2005, assunse l'incarico di Ministro degli Interni nel Governo Misto. Il 1° luglio 2005 abbandona il MAI e fonda il Partito dell'Aristocrazia Illuminata (PAI), rinunciando così alla carica di deputato. Nello stesso anno, a causa di una scelta di vita dovette abbandonare l'attività amministrativa nella micronazione, ma senza smettere di seguire l'Impero, mantenendo la dirigenza del PAI. Dopo avere pensato inizialmente di far candidare un proprio delegato alle elezioni del gennaio 2006, decise di tornare alla politica in prima persona. Divenne Presidente della Corte Costituzionale e si candidò alle elezioni di gennaio 2006 ottenendo un seggio. Poco dopo venne nominato Ministro dell'Informazione del Governo ATI al posto del dimissionario Lorenzo Aquila. Nell'estate del 2006 divenne Capo Partito, insieme a Luca Bandieras, di Monarchia e Riformismo, partito nato dalla fusione di Partito dell'Aristocrazia Illuminata e Partito Riformista Imperiale. Alle elezioni del 2006 venne eletto deputato e divenne Ministro della Giustizia del Governo ATI 2, ma il primo febbraio 2007 dovette rinunciare al seggio a causa dell'uscita del suo partito dalla coalizione di governo e poco tempo dopo venne sostituito anche nell'incarico ministeriale. Si candidò con MR alle successive elezioni, dell'aprile 2007, ma non venne eletto. Nel corso della seconda parte della legislatura divenne comunque deputato sostituendo Federico Konstitution. Da maggio ad agosto fu anche membro della Corte Costituzionale, ma fu sostituito per assenteismo. Nell'ottobre 2007 tornava attivo e si candidava nuovamente per Monarchia e Riformismo, senza essere eletto. Ma divenne di nuovo Presidente della Corte Costituzionale. Lo ritroviamo protagonista della politica imperiale nell'aprile 2008 quando si candida col suo partito Monarchia e Riformismo tra le fila di IpN, portando a casa 6 voti che gli valsero il ruolo di deputato, il Governo Misto 2 (formato da UDI e IpN) lo vide ricoprire la mansione di Primo Ministro. Partecipò alle elezioni del novembre 2008 diventando deputato sempre per MR all'interno di IpN e divenendo Ministro della Giustizia e Vice Primo Ministro del Governo IpN 2. Come Ministro, avviò un controllo e una revisione delle leggi imperiali. Sempre con MR e IpN, vinse le elezioni del maggio 2009 diventando Primo Ministro e prendendo l'interim del Ministero della Giustizia, oltre a confermare il suo seggio. Vinse anche le elezioni di dicembre riconfermandosi Primo Ministro di IpN e Ministro della Giustizia, ma ottenne un solo voto personale che non gli bastò per confermare la carica di deputato in Gran Consiglio. Alle elezioni di giugno 2010 fu eletto deputato per MR e riconfermato Ministro della Giustizia del Governo IpN 5. Alle elezioni di gennaio 2011 fu eletto deputato per MR, divenne poi Ministro della Propaganda.
Massimo Virtual (m - imp:01/06/2000.30/06/2004) Precursore degli imperiali di Dialoga, divenne Membro Onorario. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
Matheus Prime (m - imp:14/01/2006.16/03/2006) Gregario.
Matteo Angelino (m - imp:29/11/2003.16/03/2004) Ministro degli Affari Esteri della Repubblica delle Terre d'Oltreoceano. Divenne Membro Onorario dell'IMPERO, in seguito alla stipula del trattato con la micronazione di cui faceva parte. Perse il riconoscimento a seguito dell'attacco della Repubblica delle Terre d'Oltreoceano alla Repubblica Democratica di Ponferrata.
Matteo Blau (m - imp:d_06/11/2005) Gregario.
Matteo Krucatas (m - imp:12/04/2003.30/06/2004) Fedelissimo. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
Matteo Prime (m - imp:23/02/2006.12/03/2010) Gregario.
Matteo Septe (m - imp:d_29/04/2008) Gregario.
Matteo Spikas (m - imp:01/02/2000.30/06/2004) Primo discepolo di Emanuele Spikas e primo membro nella storia dell'Impero. Si segnalano alcune sue azioni contro i RIBELLI. Fu Gran Maestro, ma a causa dell'inattività, dopo l'abolizione della Scala Sociale finì tra i cittadini passivi. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
Matteo Stellas (m - imp:02/01/2006.28/02/2007) Discepolo e membro del Partito dei Fasci Combattenti. Fratello e braccio destro di Stefano Stellas. Fu espulso per Uso di falsi dati in complicità col fratello.
Matteo Tres (m - imp:09/09/2006.21/05/2007) Discepolo, membro del Movimento Autonomia & Libertà.
Matteo Virtual (m - imp:03/06/2006.26/04/2007) Discepolo, collaborò con l'Università Imperiale.
Mattia Blau (m - imp:d_29/06/2008) Gregario.
Mattia Mano (m - imp:26/10/2006.29/11/2006) Gregario.
Mattia Tres (m - imp:03/01/2007.01/04/2009) Discepolo, fondatore del Movimento Populista - Liberale Imperiale. Dopo pochi mesi divenne Gregario, lasciando il partito in stato di abbandono.
Maurizio Armas (m - imp:27/11/2009.21/10/2010) Gregario. Promosso Discepolo il 15 dicembre 2009 fu retrocesso a Gregario il 3 luglio 2010.
Maurizio Prime (m - imp:25/04/2004.20/05/2005) Gregario. Gli fu tolta la cittadinanza per aver dimostrato chiaramente di non essere interessato ad alcun contatto con la nazione e con l'intelligenza.
MAX Liberatore, apparso raramente.
MEI Sigla del Movimento Epuratico Imperiale.
Melissa Duomilles (f - imp:05/02/2000.30/06/2004) Aggregatasi all'IMPERO fin dai primi tempi, meditò presto di uscirne ed addirittura di unirsi ai RIBELLI di Swolf a causa di contrasti con uno dei due imperatori: Alessandro Stellas. Convinta da Emanuele Spikas, rimase imperiale, inizialmente sotto copertura per rendersi irriconoscibile all'altro imperatore. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
Membri Onorari Carica conferita, quando la vecchia Scala Sociale era ancora in vigore, a chi compiva azioni importanti per l'IMPERO.
Membri Speciali Massima carica raggiungibile da un imperiale nella vecchia Scala Sociale. Ideata per premiare chi ha dato un apporto fondamentale alla nazione e conferita solamente a quattro membri: Federico Blau, Irene Spikas, Giacomo Spikas e Annalisa Spikas.
MIC Sigla del Movimento Imperiale Costituzionale.
Michael Blau (m - imp:d_03/10/2007) Gregario.
Michael Mano (m - imp:13/02/2008.14/06/2017) Discepolo. Venne degradato a Gregario il 23 novembre 2008 per passività ma fu promosso a Discepolo il 6 giugno 2009. Tornò Gregario il 25 gennaio 2011. Divenuto ancora Discepolo, venne nuovamente degradato il 16 ottobre 2011. Perse la cittadinanza con la Rivoluzione Anagrafica.
Michele Prime (m - imp:22/04/2007.11/11/2009) Gregario, divenne poi Discepolo. Degradato ancora a Gregario l'11 maggio 2008.
Michele Septe (m - imp:d_28/06/2005) Discepolo che subito dopo aver ottenuto la cittadinanza diventò capopartito della Federazione Italica. Il più grande foraggiatore dell'Archivio Imperiale Recensioni Film. Maggiore produttore di film di animazione Imperiali per la RTI. Nelle elezioni dell'ottobre 2005 ottenne il grado di Pari essendo stato eletto come deputato. Alle elezioni del gennaio 2006 riconfermò il proprio seggio ed ottenne la carica di Ministro della Cultura. Il 10 maggio 2006 in premio alla sua diligenza fu promosso Pari Onorario. Si candidò alle elezioni del settembre 2006 e fu eletto deputato. Fu anche riconfermato come Ministro della Cultura. Alle elezioni di aprile 2007 a causa del MA&L che si tirò indietro dovette candidare il suo partito da indipendente e venne eletto deputato. Divenne quindi Presidente del Gran Consiglio e nel corso del Governo IpN tornò ad essere Ministro della Cultura, al posto del dimissionario Marco Aquila. Partecipò alle elezioni di ottobre 2007 come leader della coalizione ATI e venne eletto deputato. Successivamente venne anche riconfermato come Presidente del Gran Consiglio, prevalendo sul candidato dell'UDI Giorgio Konstitution. Per l'assenza di Gianluca Blau venne nominato supplente nel Ministero della Propaganda. Durante il Governo Transitorio di marzo-aprile 2008 svolse la funzione di Ministro della Cultura. Alle elezioni di aprile 2008 candidò il suo partito da indipendente visto che l'altro partito della coalizione, il MA&L non si presentò alle elezioni. Nonostante ciò il partito ricevette ben 14 voti di cui 7 a lui che gli permisero di essere ancora una volta deputato; il Governo Misto 2 gli affidò il Ministero della Propaganda. Si candidò anche nel novembre 2008, dove venne nuovamente eletto deputato. Ottenne per la prima volta il Ministero dell'Informazione, nel Governo IpN 2. Riconfermò il suo seggio col FOEDUS ITALICUM nel maggio 2009 e fu nominato Ministro della Cultura del Governo IpN 3. Si candidò, sempre con lo storico FOEDUS ITALICUM, anche alle elezioni del dicembre 2009, nella coalizione ATI. Ottiene un seggio in Gran Consiglio ma non viene confermato come Ministro della Cultura. Candidato Primo Ministro per l'ATI alle elezioni di giugno 2010 portò la coalizione dal terzo al secondo posto e riuscì a riconfermare il proprio seggio col partito. Fu nominato Ministro della Cultura per il Governo IpN 5. Vinse le elezioni di gennaio 2011 diventando Primo Ministro e riconfermando il seggio oltre ad assumere ad interim la carica di Ministro della Cultura.
Michele Stellas (m - imp:18/07/2007.14/06/2017) Discepolo, inizialmente membro della Federazione Italica dopo breve tempo si avvicinò al Movimento Sociale Imperiale. Degradato a Gregario il 16 ottobre 2011. Perse la cittadinanza durante la Rivoluzione Anagrafica.
Microitalia Micronazione fondata da Abner Varrechicco, che tradì così la sua patria: la Repubblica Democratica di Ponferrata. Quest'ultima tentò di allacciare rapporti tra le due micronazioni, ma l'atteggiamento ostile dei microitaliani causò una guerra tra le due micronazioni. Microitalia ebbe la peggio e fu annientata. Rifondata da Varrechicco, dopo l'elezione a presidente del comunista Marco Sferini si trasformò ben presto in dittatura ed iniziò a compiere azioni di spionaggio nei confronti di Ponferrata. L'efficacia del controspionaggio e delle forze di difesa ponferratine capeggiate dal NAII (National Agency of Intelligence and Investigation) indusse Microitalia a chiudersi a riccio. La dittatura di Sferini iniziò a togliere la parola a tutti gli avversari politici (cancellandone i messaggi) ed in seguito li cacciò. A causa di tutto ciò, Microitalia crollò.
Micronazione Nazione non riconosciuta dotata di un territorio fisico di piccole dimensioni ed ambisce al riconoscimento della propria sovranità.
Micronazione virtuale Nazione non riconosciuta, sprovvista di territorio fisico. Generalmente le micronazioni virtuali ovviano alla mancanza di un territorio, delimitando la propria nazione a un sito internet. Le micronazioni virtuali si distinguono dalle comunità virtuali poiché sono dotate di propri cittadini, propria cultura, proprie caratteristiche, proprie istituzioni e necessariamente ambiscono al riconoscimento ufficiale della loro sovranità.
Ministero Compito o funzione assegnata ai Ministri. Inizialmente si suddivideva in Esteri Italici, Esteri Non Italici, Difesa, Propaganda, Interni, Giustizia, Informatica, Informazione e Cultura. Poi i primi due furono fusi insieme a formare un unico Ministero degli Esteri. Quest'ultimo e quello della Difesa vengono gestiti dal Consiglio dei Gran Maestri, gli altri dal Governo.
Ministri Coloro a cui il Governo affida la gestione di un Ministero.
Mirko Tres (m - imp:30/05/2000.30/06/2004) Discepolo arruolato da Laura Duomilles durante le ultime deboli presenze imperiali sulle vecchie chat. Non rinnovò la cittadinanza al Censimento.
MLI Sigla del Movimento Libertario Imperiale.
Monarchia e Riformismo Partito nato nell'estate del 2006 dalla fusione di Partito Riformista Imperiale e Partito dell'Aristocrazia Illuminata. Alla sua guida Luca Bandieras e Massimo Konstitution. Il partito si basa sulla fedeltà alla monarchia costituzionale imperiale ed ai suoi principi, su un riformismo moderato e sui principi illuministi. Subentrò al Partito Riformista Imperiale nella coalizione Alleanza Tripartitica Imperiale con la quale salì al Governo dopo le elezioni del settembre 2006. Ma nel febbraio 2007 abbandonò la coalizione per entrare di lì a breve nella coalizione Insieme per la Nazione. Con quest'ultima vinse le elezioni dell'aprile 2007, diventando sorprendentemente il primo partito imperiale per numero di voti. Alle elezioni dell'ottobre 2007 perse un voto e il posto di primo partito imperiale, perdendo le elezioni insieme alla sua coalizione. Alle elezioni dell'aprile 2008 quando esso si presentò alle elezioni con IpN aggiudicandosi in totale 10 voti e andando a formare il Governo Misto 2 con la sua coalizione e gli avversari dell'UDI. Nel Governo Misto 2 il leader Massimo Konstitution divenne Primo Ministro, Luca Bandieras Ministro della Difesa prima e dell'Informatica poi. Partecipò alle elezioni di novembre 2008 vincendo insieme IpN, portando la metà dei voti della coalizione e ottenendo la guida del Governo IpN 2 con Luca Bandieras Primo Ministro e il Ministero della Giustizia per Massimo Konstitution. Entrambi divennero deputati occupando i 2 seggi ottenuti da MR all'interno della coalizione. Si presentò con tre candidati alle elezioni del maggio 2009 ottenendo gli stessi consensi e lo stesso numero di seggi. Vincendo con IpN anche queste ultime elezioni formò con la coalizione il Governo IpN 3. Vinse anche le elezioni del dicembre 2009, sempre con IpN, con Massimo Konstitution che venne confermato Primo Ministro del Governo IpN 4 e Luca Bandieras che divenne Ministro della Cultura. Nonostante questo, perse un seggio in Gran Consiglio in seguito a una brusca diminuzione dei voti. Alle elezioni del giugno 2010 pur ottenendo soltanto un seggio aumentò da 5 a 7 i voti e vinse insieme alla coalizione andando a formare il Governo IpN 5. Alle elezioni di gennaio 2011 con 10 voti divenne il secondo partito imperiale e il primo della propria coalizione riuscendo ad ottenere due seggi.
Monia Aquila (f - imp:d_02/06/2006) Discepolo, membro del Partito Comunista Imperiale.
Morgana Aquila (f - imp:23/05/2005.28/06/2005) Gregario. Fu condannata ad espulsione e persecuzione per collaborazionismo con Abramo Aquila, suo fratello, in quanto venne coinvolta nelle malefatte dello stesso dalla madre, Donatella Aquila. Graziata nel settembre 2005, restò comunque straniera.
Movimento Anarchia Illuminata Partito imperiale fondato nel 2004 da Gianluca Blau. Nato come movimento avverso alla politica e basato sul buon senso e sulla coscienza dell'umanità nonché sull'uso della ragione, mirava a colmare le lacune dell'anarchia vera e propria, attraverso l'introduzione di teorie illuminate e alla sinergia e l'impegno tra i cittadini. Nel 2005 il partito passò nelle mani di Massimo Konstitution che mantenne gli stessi principi della precedente gestione, escludendo però l'avversione per la politica. Per le elezioni del giugno 2005 si alleò con il Partito Comunista Imperiale nella coalizione Unione Imperiale, entrando così a far parte del Governo Misto formato insieme alla coalizione Intesa. Nel luglio 2005, Massimo Konstitution abbandonò il partito che rimase così senza guida fino al settembre 2005, quando il capopartito divenne Abramo Aquila che lo modificò ispirandosi all'umanesimo. Preso da Nicola Aquila questo partito si schierò con l'Unione Democratica Imperiale. Il 3 gennaio 2006 si unì al partito il suo fondatore Gianluca Blau che divenne Capo Partito assieme a Nicola Aquila. Il giorno dopo il MAI riprese i suoi vecchi principi abrogando le modifiche di Abramo Aquila ed uscendo dall'Unità Democratica Imperiale per mantenere la sua autonomia. Dopo aver inizialmente pensato di non partecipare più ad elezioni, ha invece poi deciso di candidarsi per le elezioni del settembre 2006 per cercare di realizzare il progetto di realizzare di nuovo un governo misto. Triplicò il suo consenso elettorale ed ottenne un seggio. A febbraio 2007 entrò nella coalizione Insieme per la Nazione, con la quale vinse le elezioni dell'aprile 2007. Si presentò anche alle elezioni dell'ottobre 2007, aumentando di poco i suoi voti ma perdendole con la coalizione. Tanto che non ebbe alcuna sua rappresentanza all'interno del Gran Consiglio, durante il Governo UDI 2 e quello Transitorio marzo-aprile 2008. Alle elezioni dell'aprile 2008 si candidò con l'usuale IpN ed ottenne 4 voti, entrando anche nel Governo Misto 2. In quest'ultimo il leader Gianluca Blau divenne Ministro della Giustizia, incamerando consensi portati poi alle elezioni del novembre 2008, dove eguagliò il massimo risultato storico del partito, ottenendo un seggio all'interno della coalizione e assegnato a Gianluca Blau, e formando il Governo IpN 2, con Gianluca Blau come Ministro degli Interni. Ottenne meno voti nelle elezioni del maggio 2009 ma ebbe comunque un seggio, all'interno di IpN insieme alla quale vinse le elezioni andando a formare il Governo IpN 3. Confermato con IpN, le elezioni del dicembre 2009 lo videro assoluto protagonista, diventando primo partito imperiale con 8 voti. Il movimento mantenne il seggio e il Ministero degli Interni restò a Gianluca Blau, riuscendo poi a piazzarne un secondo nel Governo IpN 4 con Andrea Stellas che diviene Ministro della Propaganda. Con 11 voti alle elezioni di giugno 2010 ottenne più della metà dei voti della propria coalizione e riuscì a mandare in Gran Consiglio due deputati. Alle elezioni di gennaio 2011 perse alcuni voti e ottenne soltanto un seggio.
Movimento Autonomia & Libertà PPartito imperiale fondato nel 2005 da Luca Blau. Alle elezioni del giugno 2005 si presentò come partito con il maggior numero di iscritti all'interno della coalizione Intesa, entrando a far parte del Governo Misto. Il partito fu costituito su principi di libertà e autonomia da altri ideali e partiti: ciò significa che il partito era aperto al dialogo costruttivo e adattabile alle esigenze dei vari periodi storici. Quindi si trattava di un partito flessibile che mirava a prendere decisioni attraverso la via del ragionamento. Nell'estate 2005 il partito chiarì il suo orientamento e si definì liberale di destra. Entrò quindi nella coalizione Alleanza Tripartitica Imperiale insieme a FOEDUS ITALICUM e PRI. Nelle elezioni dell'ottobre 2005 subì con l'Alleanza Tripartitica Imperiale una sconfitta di misura contro l'Unita Democratica Imperiale. Con la stessa coalizione vinse alle elezioni del gennaio 2006 riconfermandosi il partito imperiale con più consensi e fu anche quello che crebbe di più in valori assoluti al pari della Federazione Italica. Alle elezioni del settembre 2006 vinse grazie alla vittoria della coalizione, pur perdendo consensi e facendosi superare dal Partito Comunista Imperiale. Dopo l'abbandono dell'ATI da parte di Monarchia e Riformismo, rimase fedele alla coalizione con la Federazione Italica, rinominando la stessa come Alleanza Tradizione Imperiale. All'ultimo momento però decise di non iscriversi alle elezioni dell'aprile 2007. Il capopartito Luca Blau e Andrea Spikas comunque ottennero rispettivamente i Ministeri di Difesa e Esteri. Dopo diversi mesi di inattività, poco prima delle elezioni di ottobre 2007 il membro Raffaele Konstitution ottenne il permesso di candidare il partito alle elezioni dell'ottobre 2007, sempre nella medesima coalizione. Nonostante l'elezione di Raffaele Konstitution, il MA&L divenne l'ultimo partito imperiale. Non si candidò alle elezioni di aprile 2008 ed in seguitò fuoriuscì dall'Alleanza Tradizione Imperiale decretandone lo scioglimento. Nel settembre 2008 progettò di coalizzarsi con il Movimento Libertario Imperiale ma la cosa si risolse in un nulla di fatto anche a causa della mancata partecipazione alle elezioni del novembre 2008. Dopo la fine della cittadinanza del suo storico leader Luca Blau e la passività di Andrea Spikas, il partito venne salvato da Raffaele Konstitution, che lo riportò nella storica coalizione ATI e lo fece tornare alle elezioni. Il partito quindi, dopo quasi 2 anni, tornò in Gran Consiglio ottenendo un seggio alle elezioni del dicembre 2009. Ottenne due voti in meno alle elezioni di giugno 2010, ma riconfermò ugualmente il seggio. Alle elezioni di gennaio 2011 tornò ad avere sei voti e riconfermò il seggio. Il partito chiuse per abbandono nel maggio 2011.
Movimento Epuratico Imperiale PPartito fondato il 18 aprile 2006 da Gianluca Septe basato sulla difesa della società mediante l'epurazione dei cittadini nocivi. Nell'estate 2006 passò prima nelle mani di Antonio Stellas che lo trasformò in Alleanza Imperiale, poi in quelle di Marco Septe che lo trasformò nel Movimento Sociale Imperiale.
Movimento Imperiale Costituzionale PPartito imperiale fondato da Giorgio Konstitution nel settembre 2005. Questo partito si pose lo scopo di riformare la costituzione ispirandosi allo Stato di Diritto, alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino e al Principio di Autodeterminazione dei Popoli. Poco dopo la sua nascita entrò a far parte dell'Unità Democratica Imperiale. Nelle elezioni dell'ottobre 2005, grazie alla vittoria dell'Unità Democratica Imperiale, fece parte del Governo. Dopo la disfatta alle elezioni del gennaio 2006 rimediata con la stessa coalizione, si fuse nel febbraio 2006 con PLP e PLR andando a formare la Casa dei Riformisti Liberaldemocratici.
Movimento Libertario Imperiale TTrasformazione del Partito Libertario della Micronazione, effettuata da Marco Aquila, incentrata soprattutto sul puntare ad una partecipazione più spontanea alla politica da parte dei cittadini. Alle elezioni del  settembre 2006 riuscì a crescere elettoralmente e ad ottenere un seggio. Alle elezioni dell'aprile 2007 ottenne il 12% dei voti, riconfermando il suo seggio. Dopo diverso tempo di inattività il partito, anche grazie al membro Dario Aquila, partecipò alle elezioni dell'ottobre 2007 perdendo voti ma conservando il seggio. Non partecipò alle elezioni dell'aprile 2008. In seguito a dissidi interni Dario Aquila abbandonò il partito che passato ad Federico Aquila progettò di coalizzarsi col MA&L, ma la cosa non andò a buon fine e l'MLI non si candidò neppure alle elezioni del novembre 2008. Successivamente divenne capopartito Francesco Bandieras, ma a causa dei guai con la giustizia di quest'ultimo il partito rimase senza guida e chiuse l'11 settembre 2009.
Movimento Populares Imperiale Nome assunto dal Partito Mangiamo Tutti il 5 settembre 2006 per opera del nuovo Capo Partito Marco Bandieras. Partecipò alle elezioni del settembre 2006 senza successo. Sul finire dell'anno la guida del partito passò ad Simone Blau ed a inizio 2007 gli si affiancò Daniele Krucatas. Nel marzo 2007 il partito rimase senza guida in quanto si scoprì che tutti i suoi membri erano al servizio del traditore Lillo Aquila. Chiuse il 26 maggio 2007
Movimento Populista - Liberale Imperiale PPartito creato il 17 gennaio 2007 da Mattia Tres. Tra i molteplici principi a cui si ispira spiccavano populismo e democrazia. Entrò nella coalizione Unità Democratica Imperiale, ma fu presto abbandonato tanto che non si iscrisse neanche alle elezioni dell'aprile 2007 e chiuse già il 26 maggio 2007
Movimento Sociale Imperiale PPartito nato dalle ceneri di Alleanza Imperiale il 4 settembre 2006 sotto la guida di Marco Septe. Pone come obiettivi l'allargamento dell'assemblea costituzionale, la demografia e i rapporti pacifici e collaborativi all'interno della micronazione. Alle elezioni del settembre 2006 non riuscì a conquistare nessun seggio, ma si rifece a quelle successive, nell'aprile 2007, ottenendo il seggio con il 9% dei voti. Candidando Marco Septe e Andrea Stellas partecipò alle elezioni di ottobre 2007, dove incrementò i consensi e confermò il seggio. Alle elezioni di aprile 2008, con i suoi due candidati ottenne 8 voti e 2 seggi. Continuando la crescita con nuovi iscritti e nuove iniziative partecipò alle elezioni del novembre 2008, mantenendo 2 seggi, assegnati a Marco Septe e Luca Stellas, ma riuscendo a diventare addirittura la seconda forza politica della nazione. Fu il fautore del Fronte per la Riforma Elettorale, un coordinamento di partiti finalizzato unicamente a fare in modo che i seggi appartenessero solo ai partiti e non alle coalizioni. Nelle elezioni successive ebbe un calo ma prese 10 voti e ottenne nuovamente due seggi e in seguito Luca Stellas divenne capopartito. Le seguenti elezioni confermano il momento negativo, con un ulteriore calo dei voti e con la perdita di uno dei due seggi in Gran Consiglio. Alle elezioni del giugno 2010 ebbe un leggero aumento dei voti dovuto all'aumento degli iscritti ma ottenne comunque un seggio. Nel gennaio 2011 il partito chiuse per abbandono.
MPI Sigla del Movimento Populares Imperiale.
MPL Sigla del Movimento Populista - Liberale Imperiale.
MR Sigla di Monarchia e Riformismo.
MSI SSigla del Movimento Sociale Imperiale.


menù


NEWS