Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






Legge 11/2005 - Legge Luca - Gradi

Articolo 1
L'Impero adotta una politica meritocratica nei confronti dei suoi cittadini. Il cambiamento di grado, in positivo o in negativo, avviene in base all'attività svolta dal singolo all'interno della micronazione, all'apporto dato, all'influenza sulla crescita della micronazione stessa in campo politico, sociale, culturale, all'affidabilità, alla dedizione, alla fedeltà che questi dimostra verso la Nazione e alla sua situazione nei confronti della Giustizia.

Articolo 2
I gradi presenti nella micronazione sono i seguenti, in ordine decrescente di importanza: Imperatore, Gran Maestri, Pari Onorari, Pari, Cittadini Onorari, Discepoli, Gregari. Indipendentemente dal grado, tutti i cittadini godono degli stessi diritti fondamentali garantiti loro dalla Costituzione e tutti i cittadini possono ottenere la promozione a un grado superiore mediante l'impegno e soddisfando i criteri caratteristici di ciascun grado. L'introduzione di nuovi gradi può avvenire solamente previa mozione dell'Imperatore o del Consiglio dei Gran Maestri e approvazione del Gran Consiglio, attraverso la modifica di questa legge.

Articolo 3
Le peculiarità di ciascun Grado sono:
Gregari: Cittadini PASSIVI facenti parte della micronazione. Possiedono la cittadinanza ma non partecipano attivamente alle attività micronazionali.
Discepoli: Cittadini che partecipano attivamente alla vita della micronazione o che ne seguono le vicende adempiendo almeno al voto. Se un discepolo resta inattivo può essere nuovamente relegato tra i Gregari a discrezione dell'Imperatore.
Cittadini Onorari: Grado ottenuto da chi si distingue per azioni importanti, per l'apporto dato all'Impero o conferito ai Discepoli che contribuiscono alla crescita della Nazione senza ricoprire alcuna carica elettiva; può essere conferito anche a stranieri che danno il loro appoggio alla micronazione o a diplomatici stranieri. Viene concesso dal Gran Consiglio nel caso di cittadini imperiali o dall'Imperatore nel caso degli stranieri. Se conferito a cittadini imperiali non è un grado permanente. I Cittadini Onorari possono essere degradati a Discepoli dal Gran Consiglio, se passivi da almeno 6 (sei) mesi. Il Gran Consiglio si riunisce per decidere in tal senso per iniziativa del Presidente del Gran Consiglio su indicazione dell'Imperatore. Una discussione per la revoca della cittadinanza onoraria non è assommabile alle altre discussioni in corso. E' invece un grado permanente se conferito a stranieri; esso può tuttavia essere revocato dall'Imperatore nel caso in cui lo straniero che ne è in possesso compia atti avversi alla nazione imperiale o per questioni inerenti gli affari esteri.
Pari: Grado che viene ottenuto automaticamente in seguito alla conclusione, per fine legislatura, di un incarico istituzionale, ovvero al termine di un mandato da Deputato, da Presidente del Gran Consiglio, da Ministro o da Giudice. Non è un grado permanente. I Pari possono essere degradati a Discepoli dal Consiglio dei Gran Maestri, se passivi da almeno 6 (sei) mesi. Il Consiglio dei Gran Maestri si riunisce per decidere in tal senso ogni sei (6) mesi.
Pari Onorari: Possono ottenere questo grado i Pari che hanno partecipato alla vita parlamentare con particolare impegno o i Cittadini Onorari che si sono particolarmente distinti nelle attività volte alla crescita della Nazione. La promozione non avviene automaticamente ma solo l'Imperatore decide a chi deve essere concessa tra i cittadini coi requisiti sopraelencati. Il grado non è permanente e può essere tolto con mozione dell'Imperatore, in accordo con il Consiglio dei Gran Maestri.
Gran Maestri: Cittadini che si prodigano per lo sviluppo della micronazione in maniera DECISIVA. Vengono scelti dall'Imperatore e fanno parte di diritto del Gran Consiglio, ma possono esprimere il proprio voto solo nei casi previsti dalla Costituzione e dalle leggi. Il grado non è permanente e può essere tolto con mozione dell'Imperatore per motivi fondati, in accordo con i Gran Maestri non coinvolti nella procedura di degradazione.
Imperatore: Colui che ha fondato l'Impero o un suo successore.

Articolo 4
La procedura per la concessione della cittadinanza onoraria da parte del Gran Consiglio è la seguente:
a. apertura di apposito thread in Gran Consiglio con proposta di concessione della cittadinanza onoraria da parte di un deputato, di un Gran Maestro o di un membro del Governo e motivazione;
b. discussione della proposta e messa ai voti nel medesimo thread. La votazione è aperta dal Presidente del Gran Consiglio, dura sette (7) giorni e hanno diritto di voto i soli deputati.
c. la cittadinanza onoraria viene concessa solo se si raggiungono 7 (sette) voti favorevoli.
Una discussione per la concessione della cittadinanza onoraria non è assommabile alle altre discussioni in corso.

Articolo 5
Quando gli sia concesso il conferimento di uno dei due gradi superiori (Gran Maestro e Imperatore), qualsiasi cittadino può rifiutarlo adducendo una giusta causa e facendone richiesta all'Imperatore.
Il rifiuto del Grado si ritiene definitivo: un grado rifiutato non può essere più conferito al recedente, salvo casi particolari stabiliti dall'Imperatore o dal Consiglio dei Gran Maestri.

Articolo 6
Le condizioni di cui all'articolo 6 si applicano anche al Grado di Imperatore, sia in caso di recessione mentre esso sia ricoperto (abdicazione) sia in caso di rifiuto qualora il recedente sia eletto o designato al Grado.

menù


NEWS