Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






Legge 8/2005 - Legge Carto - Regolamentazione della propaganda imperiale

Articolo 1
Il Ministro della Propaganda deve preoccuparsi della propaganda relativa all'Impero, e in nessun caso deve utilizzare il ministero stesso per fini politici che interessino il suo partito o i suoi alleati.

Articolo 2
La propaganda partitica è affidata ai singoli partiti. Il ministero può tuttavia essere utilizzato come base per iniziative propagandistiche partitiche. Sta al Ministro garantire la par condicio (cioè uguale spazio di espressione) e sorvegliare, in ciò che riguarda la propaganda, sulla condotta dei partiti stessi.

Articolo 3
Il Ministro della Propaganda deve assicurarsi che gli atti compiuti dai singoli cittadini per pubblicizzare l'Impero siano legali e non disturbino la quiete altrui, fornendo un'immagine negativa della micronazione. In tali casi, il cittadino che danneggia l'immagine della Micronazione è passibile di denuncia penale.

Articolo 4
I cittadini possono propagandare Impero sia appoggiandosi al ministero (come istituzione) sia individualmente (ma dovendo comunque rispettare le regole da esso presentate); in entrambi i casi la conferma del Ministero è obbligatoria e deve essere esente da favoreggiamenti. Ogni infrazione è punibile in termini di legge.

Articolo 5
Il Ministero della Propaganda deve fornire appoggio e aiuto a coloro i quali si adoperano per propagandare l'Impero nei limiti descritti negli articoli precedenti, fornendo materiale illustrativo, consigli e quant'altro serva alla propaganda stessa. Qualora il ministro non potesse supportare ogni iniziativa, egli può delegare parte dei suoi compiti ai componenti della squadra ministeriale. Se il problema dovesse perdurare, il ministro potrà scegliere quali iniziative supportare e quali rifiutare. In questi casi, è doveroso che il ministro spieghi i motivi della scelta.

Articolo 6
Qualora il Ministro approfittasse intenzionalmente della propria carica, per procurare vantaggio alla propria persona o per favorire determinati partiti o coalizioni, sarà passibile di denuncia per abuso d'ufficio.

menù


NEWS