Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






POESIE DI UN ANONIMO IMPERIALE

NEL BICENTENARIO DELLA FINE DELLA SERENISSIMA REPUBBLICA DI VENEZIA
Quando i leoncelli di San Marco
saliron sull'alto campanile,
di storia e gloria un tempo carco,
non tardò la reazione vile
delle stranie forze d'occupazione,
d'un'audacia invero non virile.
Lor non giovava della nazïone
veneta giusta voglia di riscossa;
ma la subitanea dedizione
le trattenner dal fare gran percossa
sui forti ed animosi patrioti,
anco s'ad un rupper tutte le ossa.
Di mercenario gl'invidiosi moti
tolsero il mirabile stendardo,
che saldo era stato a ben più tremuoti.
Lettore, per finire scaglio un dardo
al procurator dalla sorte ria,
che giammai taglierà il suo traguardo
E col nome che suona "Papalia".

menù


NEWS