Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






STORIA DELLE MINORANZE E DELLE LORO TUTELE IN CANADA
di
Simone Aquila

Lezione 1: Che cos'è il Quebec

Il Canada e' la seconda nazione del mondo per estensione (solo alla Russia) ma nonostante cio' gli abitanti sono solamente 33.000.000, poco piu' della meta' degli italiani ad esempio in un territorio molto piu' sconfinato.
Il Canada e' una Monarchia Costituzionale con a capo la Regina del Canada Elisabetta II, sovrana anche della Gran Bretagna ma riconosciuta dai canadesi come Regina del Canada anche se questa carica e' poco piu' che simbolica.
In realta' il Canada ha come primo cittadino il Governatore Generale che risiede ad Ottawa e funge da primo cittadino in vece della Regina.
Attualmente la Governatrice e' di origine haitiana ed e' una donna ex presentatrice della TV. E' donna in quanto per tradizione i canadesi cercano di mantenere un Governatore dello stesso sesso del Re o della Regina ed e' haitiana in quanto espressione della zona francofona del Quebec. In precedenza ad esempio la Governatrice Generale era una signora anglofona di origini cinesi.
Il Canada e' suddiviso in 10 Province e in 3 Territori e ufficialmente lo stato e' bilingue cioe' si parlano sia inglese sia francese.
Ma nella realta' dei fatti non e' cosi': infatti se si ritiene che uno dei maggiori indici di culturalizzazione di un popolo sia il linguaggio comune si puo' benissimo capire quando si entra in Quebec: dal mondo angolofono si entra in una regione con i cartelli stradali scritti solamente in francese, con le insegne pure esse scritte in francese e con un aspetto anche diverso nella popolazione per via dei gruppi etnici di origine.
Il Quebec e' l'unica provincia del Canada che e' ufficialmente francese mentre il New Brunswick (una provincia marittima) e' ufficialmente bilingue.
Le altre otto province sono anglofone (Ontario, Terranova, Alberta, Nuova Scozia, British Columbia, Saskatchewan, Isola del Principe Edoardo e Manitoba) mentre due Territori sono anglofoni (Yukon e Territori del Nord Ovest) ed uno anglofono e di lingua nativa (il Nunavut).
Dunque gia' la distribuzione linguistica ci fa capire come siano diversificati i modi di intendere lo stato canadese dai suoi stessi abitanti.
Il Quebec dicevamo e' la seconda Provincia per numero di abitanti (circa 8.000.000) e consta due grandi citta': Quebec City (o Ville de Quebec in francese) che e' anche la capitale e Montreal (o Monreal), citta' che conta da sola circa 3.000.000 di abitanti.
Gli abitanti del Quebec si riferiscono alla loro Provincia come Nazione del Quebec ed infatti la sede della Provincia che si trova a Quebec City ed ho visitato reca fuori la scritta: Parlamento nazionale del Quebec e non Provinciale invece come dovrebbe essere.

Lezione 2: Perché il Quebec aspira all'indipendenza

Dunque dopo una breve presentazione della situazione anche ai pochi che non la conoscessero ntriamo nel fulcro della questione: perché il Quebec ritiene di dover ottenere l'indipendenza e quali sono le ragioni storiche di tale sentimento?

Tutto va ricercato ovviamente nella storia: inizialmente furono i francesi ad arrivare in Canada con l'esploratore Jacques Cartier che arrivò nella zona del fiume San Lorenzo nel 1534, vero polmone del Canada visto che tutte le quattro citta' maggiori della costa verso l'Europa sorgono nelle sue vicinanze tranne Toronto che però sorge in riva al lago Ontario.
Ma il Nordamerica era di interesse inglese e ben presto gli inglesi con i loro coloni dagli Stati Uniti spinsero verso Nord arrivando a minacciare quella che nel frattempo era diventata una colonia francese: nel 1763 si ebbe lo scontro inevitabile alle Piane di Abramo, una piana appena fuori Quebec City che ancora oggi ospita interessanti punti di osservazione e chioschi con la storia della battaglia in cui gli Inglesi ebbero la meglio sui Francesi acquisendo anche la provincia del Quebec.
Dunque gli Inglesi rimasero in superiorità sia numerica sia culturale fino ai primi decenni del 1900 quando la zona del Quebec, che aveva pero' mantenuto ancora la lingua francese anche se non ufficialmente e veniva osteggiata per questo dal Governo di Ottawa, decise che era ora di cambiare le carte in tavola: i francesi, che vivevano nel Quebec come schiavi degli inglesi, decisero di ribellarsi e di avversare tutte le attività inglesi e così facendo gli inglesi si trasferirono in massa ad esempio verso Ottawa (che comunque trovandosi quasi al confine ha una zona prettamente francofona) o verso Toronto, citta' decisamente piu' cosmopolita.
Ma l'economia ed il commercio erano di prevalenza gestiti dagli inglesi e quindi i francofoni del Quebec dovettero investire negli studi dei propri giovani lasciando passare anni prima di riuscire a padroneggiare le attività fino ad allora sconosciute ai più...
Quindi i francesi iniziarono ad occupare i posti più prestigiosi e l'immigrazione favorita in quelle zone francofone fu di zone del mondo che utilizzavano la lingua francese: ad esempio Vietnam, Haiti, certe zone dell'Africa ma anche cinese e coreana.
Gli inglesi pero' non sono completamente scappati dal Quebec: ad esempio vi e' una zona della citta' verso il Mont Royal che è di esclusiva competenza inglese ed onestamente è la zona più in e ricca della citta' con scuole anglofone ed istituzioni di stampo inglese.
In Quebec ad esempio le scuole pubbliche insegnano in francese, se qualcuno vuole che il proprio figlio impari l'inglese deve iscriverlo alle scuole private in cui si insegnano anche lo spagnolo (molto usato anch'esso in tutto il Canada) ed in maniera minore l'italiano...

Lezione 3: La bandiera del Quebec e delle altre province

E' da sempre riconosciuto il fatto che il sentimento di nazione passi anche attraverso il simbolismo della bandiera e che la bandiera esprima il sentire comune di un popolo.
La storia delle bandiere delle province e dei territori del Canada e' senza dubbio affascinante e ricca di storia.
Partiamo da quella del Canada: la famosa foglia d'acero rossa su sfondo bianco con i due bordi anch'essi rossi.
Secondo alcuni avrebbe un potente valore simbolico mentre secondo altri si tratta solo di coincidenze: la foglia d'acero che rappresenta il Canada ha 11 punte proprio come le 10 province mentre le punta in piu' rappresenta l'unita' nazionale mentre il gambo della foglia rappresenterebbe il Governo centrale di Ottawa.
I due bordi rossi ai lati rappresenterebbero i due Oceani che la bagnano lateralmente.
Ma molte sono le discrepanze a questa teoria: ad esempio i territori del Canada sono 3 e di questi non ci sarebbe traccia oppure se e' vero che i due bordi rossi rappresentano i due Oceani perche' non vi e' una striscia superiore che rappresenta il Mare Artico?
Comunque la bandiera del Canada e' stata adottata nel 1964 dopo feroci dibattiti politici dal Primo Ministro di allora, Pearson (a cui e' intitolato l'aeroporto di Toronto) anche per via del poco favore che la precedente bandiera con la Union Jack riscuoteva in Quebec.
Il Quebec adotto' la bandiera attuale, chiamata fleur-de-lis, durante l'amministrazione di Maurice Duplessis. Sventolo' per la prima volta il 21 gennaio 1948 sul parlamento del Quebec a Quebec City.
La bandiera ha sfondo azzurro con quattro fiordalisi bianchi divisi da una croce bianca.
In particolare lo sfondo azzurro con i quattro fiordalisi deriva da una bandiera portata dalla milizia franco-canadese del generale Luis-Joseph de Montcalm che vinse la battaglia di Carillon.
Questa bandiera creo' molto scandalo in Canada: era la prima bandiera di una provincia canadese a non avere richiami alla Union Jack inglese!
Il Quebec e' sempre stato orgoglioso di questo strappo verso gli inglesi e tuttora e' l'unica bandiera delle province del Canada a non avere richiami alla Union Jack (come ad esempio Ontario, Manitoba, Terranova&Labrador e British Columbia), al leone rampante inglese o scozzese (Nuova Scozia, Nuovo Brunswick, Isola del Principe Edoardo, Saskatchewan) o alla bandiera dell'Inghilterra (Alberta).
Invece al contrario solo una delle bandiere dei tre Territori ha riferimenti alla Union Jack o all'Inghilterra: quella dello Yukon ha infatti incastonata, anche se ben nascosta, la bandiera dell'Inghilterra sormontata da un Husky e inserita all'interno di un complicato stemma.
Invece la bandiera dei Territori del Nord-Ovets ha un lupo stilizzato all'interno di uno stemma mentre quella del Nunavut ha un grande interesse antropologico con la rappresentazione di un inukshuk e della stella polare.


CORSI DELL'UNIVERSITÀ IMPERIALE


menù


NEWS