Nuovo menù menù


Cerca
in questo sito

sitelevel.com





Copyright ® IMPERO
E' vietata la riproduzione,
anche parziale, delle
pagine contenute in questo sito.
Sito realizzato con Blocco Note
Sito creato l'1 luglio 2000
Privacy Policy






Legge 28/2008 - Legge Salieri - Stato di Guerra

Articolo 1
Il periodo di tempo denominato "Stato di guerra" viene decretato esclusivamente dall'Imperatore, sentito il parere del Consiglio dei Gran Maestri e dopo averne informato il Gran Consiglio. Il termine di tale periodo viene dichiarato esclusivamente dall'Imperatore, una volta assicuratosi della inesistenza di pericoli per la Nazione, informandone il Consiglio dei Gran Maestri e il Gran Consiglio.

Articolo 2
La normale attività governativa e del Gran Consiglio durante il suddetto periodo può essere sospesa per consentire alle istituzioni di dedicarsi con priorità alle attività belliche, che vengono stabilite dal Consiglio dei Gran Maestri.

Articolo 3
Le decisioni prese dal Consiglio dei Gran Maestri in stato di guerra devono comunque essere riferite in Gran Consiglio. Le eventuali norme emanate dal Consiglio dei Gran Maestri hanno durata limitata e decadono con il termine dello stato di guerra.

Articolo 4
Durante lo stato di guerra i cittadini di qualsiasi grado che commettessero volontariamente un reato potenzialmente dannoso per la Nazione e per la sua sicurezza, di cui si hanno prove certe potranno essere giudicati, per iniziativa del Consiglio dei Gran Maestri, da una corte marziale composta da tre (3) Gran Maestri nominati dall'Imperatore. Agli imputati è riconosciuto pienamente il diritto di giustificarsi entro un periodo massimo di 72 ore, cui farà seguito la sentenza. Terminato lo stato di guerra coloro che sono stati condannati potranno ottenere un regolare processo, svolto secondo la normativa espressa nel Codice Penale, appellandosi al Giudice, che avrà l'obbligo di procedere con la riabilitazione.

Articolo 5
Nessuno può agire autonomamente e secondo le sue convinzioni contro la Nazione con la quale l'Impero si trova in guerra. Tutte le operazioni belliche sono stabilite e guidate dal Consiglio dei Gran Maestri, che agisce in concerto con l'Imperatore. Ogni atto volontario non ordinato verrà considerato passibile di una giudizio presso la corte marziale di cui all'articolo 4.

Aricolo 6
Chiunque si procura o divulga, notizie di cui il Consiglio dei Gran Maestri ha momentaneamente vietato, per motivi di sicurezza, la divulgazione può essere passibile di corte marziale. Alla stessa condizione è sottoposto chi divulga notizie false e senza fondamento che possono destare allarme e mettere in pericolo la Nazione e i pubblici amministratori che divulghino segreti di stato o informazioni riservate, sia durante che in seguito allo stato di guerra (nel caso ciò avvenga in seguito, non si pronuncerà la corte marziale ma il Giudice).

Articolo 7
Durante lo stato di guerra tutte le cariche istituzionali sono congelate. Eventuali cambiamenti, dimissioni o nuove nomine vengono stabilite, a tempo determinato, dall'Imperatore, sentito il parere del Consiglio dei Gran Maestri. Al termine dello stato di guerra coloro ai quali è stata assegnata una carica devono rassegnare le dimissioni, salvo essere eletti o nominati a quella carica nella modalità prescritta dalla legge.

menù


NEWS